GUIDA PRATICA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE NUOVE FINESTRE

GUIDA PRATICA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE NUOVE FINESTRE

GUIDA PRATICA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE NUOVE FINESTRE
Finanziaria 2008
D.M. del 07/04/2008 (Norme di attuazione)

A cura della Direzione Ricerca & Sviluppo Clima Infissi
Aggiornamento ottobre 2009

CHI PUO BENEFICIARE DELL’AGEVOLAZIONE
Praticamente, tutti possono beneficiare dell’agevolazione: le persone fisiche; gli enti; i soggetti di cui all’articolo 5 del Testo unico delle imposte sui redditi, non titolari di reddito di impresa; i soggetti titolari di reddito d’impresa.
I soggetti ammissibili a detrazione sono quelli che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi. A questi possono aggiungersi i familiari conviventi ( il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado).

CONDIZIONI BASE
Gli interventi devono essere eseguiti su edifici esistenti, su parti di edifici esistenti, o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, posseduti o detenuti (anche in leasing) , già dotati di un impianto di riscaldamento.

Un edificio si considera esistente se risulta accatastato o se almeno è stata presentata domanda di accatastamento e se viene pagata l’ ICI.

TEMPI DELL’INVESTIMENTO
Spese sostenute entro il 31 dicembre 2012
La normativa 2008 impone di trasmettere la pratica, entro 90 giorni dal termine dei lavori

MISURA DELL’AGEVOLAZIONE
Una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro.
ESEMPIO
Spesa complessiva (infissi,posa in opera e tecnico) :
Euro 10.000,00
Detrazione dall’imposta lorda :
Euro 5.000,00

RIPARTO DELL’AGEVOLAZIONE
In quote annuali di pari importo non inferiori a cinque e non superiori a dieci, a scelta irrevocabile del contribuente, operata all’atto della prima detrazione.

La scelta dipende dall’ imposta lorda : più basso è il reddito, maggiore deve essere il numero di anni.

IVA AGEVOLATA
L’aliquota IVA da applicare è agevolata al 10% per i servizi ricevuti, quali la posa in opera e la manodopera necessaria.
Fino alla concorrenza dell’importo della manodopera si può beneficiare inoltre dell’aliquota IVA
al 10%.
Per le persone fisiche, quindi, il costo detraibile è compreso di IVA.
Al fine di chiarire le modalità di calcolo valga il seguente esempio :
a. costo complessivo dell’intervento, al netto Iva : 3.500,00 euro;
b. valore dei beni significativi ( infissi interni ed esterni) : 2.500,00 euro ;
Mano d’opera 1.000 + Iva al 10%
Beni significativi 2.500,00 + Iva al 22%

E’ necessario specificare nella fattura, distintamente, la parte del valore cui è applicabile l’Iva agevolata e l’eventuale altra parte soggetta a quell’ordinaria.

CUMULABILITA’
Per espressa menzione normativa, l’agevolazione è compatibile solo con ulteriori incentivi disposti dalle Regioni, Province e Comuni.
Con la risoluzione n. 152 del 5 luglio 2007, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che, in presenza di lavori di manutenzione o ristrutturazione per i quali sia stata già chiesta l’agevolazione del 36%, è possibile utilizzare quella più favorevole del 55% solo per la parte riguardante gli infissi, con l’avvertenza di eseguire il bonifico specificando che trattasi di “riqualificazione energetica” e seguendo le norme specifiche previste per tali interventi.

ADEMPIMENTI PER ACCEDERE AI BENEFICI IL CLIENTE DEVE :

1. Far asseverare da un tecnico abilitato, la trasmittanza dei vecchi infissi e il rispetto dei requisiti della trasmittanza termica per i nuovi infissi, fissati nell’Allegato B del Decreto 11 marzo 1008 (vedere allegato 4). In alternativa, la Ditta produttrice delle finestre può rilasciare una certificazione con le stesse specifiche relative alla trasmittanza degli infissi vecchi e nuovi: la nuova trasmittanza deve essere dichiarata tramite le certificazioni dei singoli componenti -ossia profilati e vetri- rilasciate nel rispetto della normativa europea.

2. Le fatture o ricevute fiscali, devono essere emesse con data successiva all’inizio dei lavori e devono essere pagate tramite bonifico bancario (vedere allegato 5), con l’indicazione del codice fiscale o partita Iva sia del richiedente sia di chi rilascia il documento fiscale; per i titolari di reddito d’impresa tale obbligo non sussiste; nelle fatture deve essere indicato l’importo della manodopera.

3. Trasmettere all’Enea esclusivamente per via telematica ed entro 90 giorni dalla fine dei lavori (data della comunicazione di fine lavori redatta dal tecnico che ha presentato la D.I.A., ovvero dalla data dell’attestato della ditta installatrice), l’Allegato F di cui al decreto 7 aprile 2008 (vedere allegato 6); non è più necessario l’attestato di qualificazione
(o certificazione) energetica per l’installazione di finestre comprensive di infissi e di pannelli solari termici.

4. Conservare:

a) tutte le fatture o ricevute fiscali;
b) la copia dei bonifici bancari (non vale per i titolari di reddito d’impresa);
c) l’asseverazione dell’intervento;
d) la scheda informativa (allegato F);
e) la ricevuta informatica dell’invio all’ Enea.

MESSAGGIO PROMOZIONALE DI CLIMA INFISSI

Si fa presente che la pratica occorrente per chi vorrebbe usufruire di questo incentivo del 65% sotto forma di agevolazione fiscale, è di norma fornita da un tecnico abilitato con relativo onero economico.

La Clima Infissi invece; offre alla sua spett.le clientela a titolo gratuito, una parte della documentazione necessaria, nel caso specifico di:

1) Asseverazione della trasmittanza termica dei vecchi infissi

2) Trasmittanza termica dei nuovi infissi con tutti i parametri richiesti, per ogni singolo infisso.

3) Certificato per il rispetto della normativa Europea CE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.climainfissi.com/wp-content/uploads/2019/03/infissi-in-alluminio-01-1.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 165px;}